Ultima modifica: 29 Marzo 2020
Istituto Comprensivo Giusti-D'Assisi > Attività didattiche > Attività Panzini > La IB Panzini alla Centrale di Via Padova dell’Acquedotto milanese. Il resoconto di Daphne

La IB Panzini alla Centrale di Via Padova dell’Acquedotto milanese. Il resoconto di Daphne

La I B Panzini  alla Centrale di Via Padova dell’Acquedotto milanese.
Il resoconto di Daphne

Visita all’acquedotto

 

Il 19 febbraio abbiamo visitato la Centrale di pompaggio del Servizio Idrico di Milano gestito da MM (Metropolitana Milanese), in via Padova 400.

Fortunatamente Milano è ricca d’acqua e le falde sono poco profonde.

I primi due pozzi furono costruiti nella zona dell’Arena (parco Sempione) nel 1888, la professoressa Pozzi ci ha infatti portato a visitare il parco nella stessa zona, dove si vedono dei tombini.

Negli anni ’60 la qualità dell’acqua della falda era peggiorata a causa degli scarichi industriali che non venivano depurati. La situazione è migliorata a partire dal 1975, dopo la chiusura delle grandi fabbriche che causavano l’inquinamento dell’acqua. In questo periodo è cominciato anche l’innalzamento della falda, che ha allagato sotterranei, parcheggi e metrò (le industrie usavano molta acqua e aiutavano a tenere bassa la falda)

La centrale fa parte di un grande sistema idrico, costituito da 28 stazioni di pompaggio e da 400 pozzi sempre attivi che alimentano la rete idrica di Milano e i comuni vicini con una lunghezza totale di circa 2.228 km di tubazioni, per un totale di 220 milioni di metri cubi di acqua potabile all’anno.

Come funziona l’acquedotto?

  • Captazione – pescaggio d’acqua dalla falda sotterranea (l’acqua di falda è già molto pulita)
  • Potabilizzazione:
    • Filtrazione – su carboni attivi e le torri di aerazione
    • Potabilizzazione – tramite ipoclorito di sodio, raggi UV o osmosi inversa.
  • Distribuzione – una rete sotterranea a tela di ragno, costruita con tubi di acciaio o ghisa raggiunge più di000 utenze.

L’acqua viene continuamente controllata in laboratorio.

Sapere quello che sta alla fonte (e qui è proprio il caso di dirlo…), quando apriamo un rubinetto nelle nostre case è stata una esperienza bellissima e molto istruttiva.

 




Questo sito utilizza cookies tecnici ed analytics. Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi